Mario Pagliaro

Napoletano ” per nascita”, avellinese “per destino”, architetto “per scelta”, designer “per convinzione”, artigiano “ad honorem”, giornalista “senza tessera”.

Presidente dell’associazione di promozione sociale “bottega delle MANI”, prima esperienza in Campania a riunire design, produzione e territorio per porre la cultura e la ricerca al centro delle scelte quotidiane.

Impegnato in progetti di ricerca su Territorio, Architettura e Design per la “messa in produzione” dei beni culturali e re-interpretazione dei processi sociali e produttivi,  sono curatore del Festival di Paesaggio.

Menzionato al concorso per un pannello, nel 2004, due miei progetti hanno vinto il secondo e terzo premio al 3° Premio Nazionale Prodotto Artigiano, quest’anno ho vinto 2 (per due), il secondo contest rivolto ad architetti e designer lanciato da Formabilio.com, con 3Bent un contenitore multifunzione in legno curvato, frutto di una esperienza di laboratorio con i detenuti del carcere di Lauro (Av). Le mie produzioni sono state esposte, tra l’altro al “Top Drawer Spring” di Londra (GB), al “60° TIGS” di Tokio (Jp) ed “Ambiente 2008” di Francoforte. 

Ho ideato e curato la “Fiera dell’Artigianato 2.0” con il Polo fieristico ”Fiere della Campania”e, con la cattedra di Disegno Industriale della Università degli Studi di Napoli, la ricerca “Esercizi in Trafila_Design Experiments“, esposta alla Triennale di Milano e pubblicata dalla Electa.

Ha curato nel 2009 il soggetto e la regia del documentario: “Ravey nei colli della ravece”, per la promozione e valorizzazione di produzioni agricole di qualità.

Blogger, ho collaborato con varie testate giornalistiche e pubblicato, tra l’altro, per ArchigraficA edizioni: “Il Ponte della Valle di Durazzano – storia di un monumento inconsapevole dell’Acquedotto Carolino”. 

In un film di cui non ricordo il titolo, su di un jazzista bianco, di cui non ricordo il nome, il suo maestro disse: “nel jazz non ci sono regole ma sempre una ragione”. Per me lo stesso vale in architettura e in ogni cosa voglia significare.